martedì 26 novembre 2013

Attenzione a Cryptolocker

Cryptolocker

Aumentano le "infezioni" causate da Cryptolocker, il ransomware che cripta i tuoi file e poi ti chiede di pagare per decriptarli.

La Centrale d'annuncio e d'analisi per la sicurezza dell'informazione MELANI (Svizzera) avvisa di un'aumento delle diffusione del ransomware Cryptolocker, malware che cripta tutti i file presenti sul computer e sulle unità ad esso connesse.

Schermata di Cryptolocker

Sembra che questo tipo di software nocivi si diffonda tramite allegati e-mail infettati e pagine Internet appositamente preparate, le cosiddette infezioni di siti Web oppure drive-by download. In alcuni casi l'apparecchio interessato è già infettato da un altro malware, che in un secondo tempo carica Cryptolocker. Una volta installato, il software nocivo cifra i file che si trovano sul computer (ad es. Excel o Word). La vittima vedrà in seguito comparire un messaggio sullo schermo nel quale annuncia il pagamento di una somma di denaro in cambio della chiave per poter ripristinare i file (estorsione).

Diversi prodotti antivirus possono trovare e distruggere il software nocivo, ma spesso è troppo tardi, perché i file che si trovano sul computer sono già stati cifrati. Perciò il problema non è tanto la rimozione del software nocivo quanto il ripristino dei dati originali. Per il momento sembra non esistere un metodo per decodificare i dati senza la chiave, nota solo ai truffatori.

Come proteggersi da Cryptolocker


  • copiare regolarmente i dati salvati sul computer su supporti dati esterni (backup), da collegare al computer solo durante il processo di backup
  • il sistema operativo e le applicazioni installate (ad es. Adobe Reader, Adobe Flash, Sun Java, ecc.) devono sempre essere aggiornati, se possibile tramite la funzione di aggiornamento automatico
  • installare un antivirus sempre aggiornato
  • installare un firewall personale sempre aggiornato (in Windows è comunque già installato un firewall)
  • usare prudenza se si ricevono e-mail inaspettate o che provengono da mittenti sconosciuti; ignorare le indicazioni, non aprire allegati o link
Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividi con i tuoi amici